Pensiero del Ceo

Think about the future. Think about nature. 

Comunicare attraverso le immagini è una caratteristica e una priorità dell’uomo, fin dall’antichità. 

Oggi più che mai, in un’epoca estremamente tecnologica e visiva, le immagini si caricano di molteplici significati e raccontano di noi, dei nostri stili e dei nostri gusti.

Un’immagine ci rappresenta, espone il nostro pensiero, comunica le nostre emozioni.

Un’immagine entra a far parte della nostra esperienza visiva e spesso influenza inconsciamente le nostre azioni.

Come parlare del passato, del presente e del futuro che ci attende attraverso la materia, attraverso il territorio e le tecniche di lavorazione, dove gli strumenti per progettare il domani sono sempre più interdisciplinari e dove il design deve necessariamente rispondere ad una nuova condizione in cui si trova oggi l’intera umanità?

"Partiamo proprio da queste riflessioni per raccontare il nostro viaggio dove il nostro passato è materia, il nostro presente è tecnologia e il nostro futuro è la natura. La nuova collezione think about the future. think about nature si ispira proprio alle visioni cangianti dell’Etna, che si presenta al visitatore in un susseguirsi di paesaggi diversi e inaspettati. Un tempo ricca di foreste, nel corso dei secoli le continue eruzioni ne hanno modificato profondamente la pelle, mutevole al variare dell’altitudine. La sua vegetazione, la sua terra ed il suo cuore sempre pulsante sono il nostro riferimento: Color , Skin e Magma."

Un viaggio che spazia dal product, all’interior design e outdoor living, delegando il compito comunicativo primario alla materia e alle tecnologie ad essa applicate. All’espressività del materiale naturale come la pietra lavica, lavorata secondo alcune innovative soluzioni che ne permettono di esaltarne le caratteristiche fisiche ed estetiche, è stato legato il concetto di sostenibilità, recupero, filiera corta e attenzione agli sprechi energetici. Un’attenzione imprescindibile se si vuole rispettare la natura.

Ciò significa che il ruolo delle superfici, siano esse pavimenti, pareti, facciate esterne ventilate, top cucina, tavoli o piani di appoggio, risultano amplificate nel loro utilizzo.

Tutto ciò senza dimenticare il tailor-made che appartiene e ben traduce lo spirito dell’azienda e di un’epoca in cui ognuno, pur facendo parte di una grande comunità, ama sempre più distinguersi e comunicare le proprie emozioni e il proprio pensiero.

Un lavoro sartoriale che Orolavico è pronta a condividere con tutti i suoi clienti.

                                                                        Giuseppe Mondera

(C.E.O.)

Recent Posts